ARCI COMO WebTV/ Palinsesto 29 settembre/ Christian Zocca/ La cultura in Afghanistan

L’ Afghanistan, uno stato travolto da una guerra che non finisce, ma se si scava in fondo riusciamo a vedere le piccole meraviglie di questa terra messa a ferro e fuoco. Questi video ci dimostreranno le bellezze di questa terra. I primi due video ci fanno sentire la musica tradizionale che riunisce la gente per cantare, che come molti paesi dell’est è molto basata sugli strumenti a corde, a differenza dei paesi africani e sudamericani che si basano sulle percussioni, quindi tamburi, maracas, pandeiro. Nel terzo video, vediamo il trailer di un film afghano che parla della storia di un giornalista indiano e il suo cameraman che si addentrano in Afghanistan per riportare lo stile di vita del popolo durante il conflitto, ma dopo aver incontrato una guida locale ed una reporter americana, cercano di scappare dai talebani che li cacciano. È un film che pur trattando un tema abbastanza tetro, cerca di essere
divertente, mettendo i protagonisti in situazioni poco probabili, pur cercando di sensibilizzare il pubblico della situazione che sta accadendo nel paese. Il successivo video parla della letteratura portandoci in un viaggio di apprendimento e prendendo coscienza degli autori che provengono dall’Afghanistan, come Khaled Hosseini, un autore di cui libri sono stati in ottime posizioni nel New York Times bestseller, la lista di libri più venduti negli Stati Uniti. Il libro più famoso, chiamato “Il cacciatore di aquiloni”, parla di due amici Amir, figlio di un mercante benestante di Kabul, e Hassan, il loro servo. La loro amicizia viene distrutta e dopo molti anni Amir dovrà fare i conti con i propri
scheletri nell’armadio, ma anche con un’Afghanistan distrutto, violento e sinistro.
Nell’ultimo video riusciamo a vedere la cultura afghana nell’arte, nella modellazione e nell’architettura, infatti l’Afghanistan è stata influenzata dalla dinastia Moghul, dall’impero Timuride e per un periodo da Ghazni, un tempo parte dell’Impero degli Yaminidi. Questo paese, in Europa e in tutti gli altri stati dell’ovest, è visto soltanto come un campo di battaglia, un terreno che il sangue coprirà, ma è molto di più, è un paese colmo di sapere, di musica, tradizione, letteratura, ma soprattutto cuore.

Afghan folk music, Di Emal Roshandel, pubblicato il 15/02/2008

Traditional afghan music on Rubab and Satur-“pareshe jal”(flight of the Lark), Di Paul Grant, pubblicato il 4 febbraio 2014.

Kabul express/official trailer, Di YRF, pubblicato il 9/03/2012.


Aghanistan literature/read the world, Di Jay Dee Archer, pubblicato il 14/09/2016.


Murad Khani: the ancient arts of Afghanistan are being reborn, Di TRT World,
pubblicato il 21/11/2019.


Arci Como WebTV continua domani. [Dario Onofrio, ecoinformazioni]

Per proporre i vostri contenuti:
ecoinformazionicomo@gmail.com
+39 3409867778

FAI IN MODO CHE SI POSSA PARLARE DI POLITICA E CULTURA ANCHE A FINE EMERGENZA: DONA ORA PER I CICOLI IN DIFFICOLTÀ.

La programmazione completa di Arci Como WebTV.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.