ARCI COMO WebTV/ Palinsesto 10 ottobre/Abby Basiouny/ Oscar Arias Sánchez

Questa è la biografia di Oscar Arias Sànchez, ex presidente della Costa Rica ed attivista ha sempre lottato per i diritti umani nel suo paese e quando fu in carica riuscì ad estinguere una guerra civile nel suo paese e nell’America Centrale. Oscar Arias Sánchez è nato a Heredia, il 13 settembre 1941. Ha studiato giurisprudenza presso l’Università del Costa Rica e negli Stati Uniti a Boston ha conseguito il dottorato in scienze politiche presso l’Università dell’Essex, in Inghilterra. Dopo essere tornato nel suo paese, ha prestato servizio come professore di scienze politiche presso l’Università del Costa Rica e, da allora, è stato legato ad attività accademiche presso alcune delle più prestigiose università d’Europa e degli Stati Uniti d’America.

Apparteneva al Partito di Liberazione Nazionale (PLN) fin dalla sua giovinezza e nel 1970 è stato chiamato alla funzione pubblica dal presidente José Figueres Ferrer, che lo ha nominato ministro della pianificazione nazionale e della politica economica, posizione che ha continuato a occupare nell’amministrazione del signor Daniel Oduber. Quiros. Si è dimesso da quella posizione per aspirare a un seggio nell’Assemblea legislativa, essendo eletto deputato nel 1978.

Un anno dopo viene nominato Segretario generale del PLN e lo stesso partito lo nomina candidato alla Presidenza della Repubblica per il periodo 1986-1990. La sua vittoria elettorale è stata motivata dalla promessa di lottare per la pace in America Centrale, poi devastata da sanguinosi conflitti politici e militari. Guatemala ed El Salvador furono immerse in guerre civili che si trascinavano a lungo, mentre la caduta della dittatura della famiglia Somoza, in Nicaragua, e la successiva presa del potere da parte del Fronte di Liberazione Nazionale Sandinista, creò un clima di confronto nella regione che minacciava di raggiungere i confini del Costa Rica. A ciò si aggiunse l’interferenza ideologica e militare dell’Unione Sovietica e degli Stati Uniti d’America, superpotenze affrontate nel quadro della Guerra Fredda.

È in questo contesto che il Dott. Oscar Arias propone ai cinque Presidenti delle repubbliche centroamericane il Piano di Pace che porta il suo nome e che fu firmato in Guatemala nell’agosto 1987. Questo piano era la base di un pace duratura e un processo di democratizzazione lento ma inesorabile nella regione centroamericana.

In riconoscimento dei suoi sforzi, il Comitato Norvegese per il Nobel gli ha conferito il Premio Nobel per la Pace nel 1987. Questo premio, che è stato un supporto inestimabile per il consolidamento dei processi di pace nella regione, ha anche permesso al Dr. Arias di creare la Fondazione Arias per la pace e il progresso umano, un’istituzione che si è dedicata a promuovere cause come la smilitarizzazione, il controllo delle armi leggere e di piccolo calibro, l’uguaglianza di genere e la governanza democratica.

Dopo diversi anni di permanenza fuori dalla politica nazionale, il dottor Arias accetta di nominare il suo nome, ancora una volta, per la campagna presidenziale del 2005. Grazie al suo impegno a “rimettere la Costa Rica sulla strada”, è stato eletto Presidente della Repubblica per il periodo 2006-2010. La sua seconda amministrazione ruotava intorno alla lotta alla povertà, all’espansione del sistema educativo e all’inserimento del Costa Rica nei mercati internazionali, con la firma degli Accordi di libero scambio con gli Stati Uniti d’America, l’America Centrale e la Repubblica Dominicana. Cina, Singapore, Panama e Unione Europea, così come l’apertura di monopoli statali nel settore assicurativo e delle telecomunicazioni. A livello internazionale, ha promosso l’approvazione di un trattato sul trasferimento di armi, che è attualmente in discussione all’Assemblea generale delle Nazioni Unite, l’iniziativa ambientale nota come Pace con la natura e il cosiddetto Consenso del Costa Rica , un meccanismo per cancellare i debiti e sostenere con risorse finanziarie internazionali i paesi in via di sviluppo che investono sempre di più nella protezione dell’ambiente, della salute, dell’istruzione e degli alloggi per i loro popoli, e sempre meno in armi e soldati. Insieme a queste cause, il presidente Arias ha promosso una politica estera visionaria, stabilendo relazioni diplomatiche con Cina, Cuba e con diversi paesi arabi moderati.

Oscar Arias ha ricevuto circa 70 dottorati honoris causa da diverse università degli Stati Uniti d’America, come Harvard, Princeton, Dartmouth, Washington University e Brandeis, nonché da altre prestigiose istituzioni educative, come l’Università di Salamanca in Spagna, Bahcesehir in Turchia, Yonsei in Giappone, Kyung Hu in Corea del Sud ed Essex in Inghilterra. Ha anche ricevuto numerosi premi, tra cui il Martin Luther King Jr. Peace Prize, la Philadelphia Medal of Freedom, il Jackson Ralston Prize, il Prince of Asturias Prize, il Albert Schweitzer Humanitarian Prize e il Prize of the Americas. Per lui, tuttavia, non c’è premio più importante dell’immenso amore che ha ricevuto dal suo popolo.

Il canale youtube PrensaOscarArias ci mostra la storia del Costa Rica e la Lotta di Oscar Arias Sanchez per la difesa dei diritti umani che ha portato questo paese alla democrazia.

Dalle 11/ Il 10 dicembre 1987 il parlamento norvegese consegnò il più alto riconoscimento per la pace ossia il Premio Nobel ad Oscar Arias Sanchez per la sua perseveranza verso la lotto per la difesa dei diritti umani, per aver portato la pace nel suo paese e per il riconoscimento di una democrazia secolare.

Il canale youtube PrensaOscarArias ci mostra il video della premiazione di Oscar Sanchez e di cosa il popolo costaricano ne pensi al riguardo.

Dalle 12/ Nel 1989 si teneva tenne il discorso di Oscar Arias Sanchez all’ONU. Oggi la pagina youtube PrensaOscarArias ci da la possibilità di ascoltare le parole di Oscar e prendere esempio per costruire la pace.

Dalle 14/ “Vision y Coraje” è un libro scritto da un gruppo di 23 costaricani di diverse correnti di pensiero, affiliazioni politiche e occupazioni, i cui meriti intellettuali e di ricerca sono ineccepibili, condividono in questo libro le loro riflessioni sulla traiettoria storica del Dr. Óscar Arias Sánchez. Le sue analisi si concentrano sui meriti e sui successi di un personaggio che, dalla fine degli anni Sessanta del Novecento, occupa un posto fondamentale nella storia del Costa Rica. Da ambiti scientifico-umanistici come la politica, il diritto, la filosofia, l’arte, l’economia, la storia e la sociologia, questi costaricani esprimono opinioni di grande valore che inaugurano un processo di ricerca e studio intorno a chi è stato presidente di la Repubblica due volte (1986-1990, 2006-2010), È stato insignito del Premio Nobel per la Pace nel 1987 ed è considerato, in questo libro, il creatore della terza via di sviluppo sociale costaricano.

Il canale youtube di Noticias Repretel ci mostra la presentazione del libro che parla dell’ex presidente Osar Arias Sanchez.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.