ARCI COMO WebTV/Palinsesto 12 Ottobre/Christian Zocca/ La Cultura in Iran

L’Iran è un paese che grazie alla conformazione del territorio e alla grande quantità di pozzi di petrolio, l’Iran dovrebbe essere uno dei paesi più ricchi e invece no. Una volta conosciuta come Persia, l’impero che governava questi territori è ciò che ha influenzato maggiormente la cultura iraniana. Il nome Persia, nell’antichità ha rivestito un territorio molto più vasto in cui si sono succeduti diversi imperi con importanti culture. Tale nome deriva dall’antico nome greco dell’Iran, Persis, che a sua volta deriva dal nome del clan principale di Ciro il Grande, Pars o Parsa, che ha dato il suo nome anche a una provincia dell’Iran meridionale, Fārs (in lingua persiana moderna). Secondo lo storico dell’antica Grecia Erodoto il nome Persia deriva da Perseo, l’eroe mitologico. L’Iran, quindi, potremmo considerarlo uno dei paesi più poveri, ma quando si parla di cultura è uno dei paesi più ricchi che ci possa essere. In questi 7 video ci faranno capire che la cultura in Iran è una delle più vaste.

Iranian traditional music, 28/01/2017, di Ali Shakeri.

esibizione di una musica tradizionale assieme al canto, da notare gli strumenti utilizzati, molto differenti da quelli conosciuti qui in occidente.

Iranian Folk Music, 11/02/2017, di HI Tehran Hostel.

Canto tipico, suonato dalle donne Iraniane assieme agli strumenti tipici di origine persiana.

Inside iranian Cinema (Part 1/3)/(Part 2/3)/(Part 3/3), 21/02/2013-, di VICE.

3 video che parlano del cinema iraniano e di come, anche se la politica non permetta a registi e giornalisti di esprimersi completamente, il cinema iraniano sia contenitore di tanti film ottimi che dovrebbero essere visti. Durante i video riusciamo anche la difficoltà che passa il giornalista per poter filmare quello che succedeva fuori all’aperto, facendo anche esempi di persone che sono state arrestate e torturate e o uccise.

Shahrnush Parsipur Interview: Developing Literature in Iran is Difficult, 9/01/2020, di Louisiana channel.

Assistiamo alla testimonianza di Shahrnush Parsipur, una scrittrice Iraniana, in cui spiega le difficoltà che passa uno scrittore, e soprattutto le donne, a causa della troppo marcata censura che non permette di raccontare una storia nella sua completezza, poiché potrebbe causare la rabbia di persone al potere. Un esempio di comparazione che si potrebbe fare è quello di Alessandro Manzoni durante la Dominazione Spagnola nel 1600.

Dick Davis on “Faces of Love” and poetry in Iranian culture.

Sentiamo Dick Davis, uno scrittore americano che dopo essere stato affascinato dalla letteratura Iraniana, anch’essa influenzata da miti e storie persiane, ha tradotto una novella e ha cercato di far arrivare la loro letteratura qui in Occidente.

Questi video quindi ci fanno capire che la cultura in questi paesi sono alcune delle più vaste e non bisogna giudicare un paese dalla loro stabilità economica.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.