ARCI COMO WebTV/ Palinsesto 5 novembre/ Christian Zocca/Fotografia/ Seydou Keïta completato per davvero

Seydou Keyta nasce intorno al 1921 a Bamako, Mali. Comincia ad appassionarsi alla fotografia quando, nel 1935, uno zio di ritorno da un viaggio in Senegal gli regala un rullino da otto pose e la sua prima macchina fotografica. Le sue prime fotografie erano in bianco e nero (tecnica che scelse di utilizzare per tutta la sua carriera) e ritraevano parenti, amici e vicini di casa. Per alcuni anni Keita continua a lavorare sia come falegname che come fotografo.

Lo sviluppo dei suoi primi scatti avviene nei laboratori di Pierre Garnier e di Mountaga a Bamako, dove impara egli stesso i processi dello sviluppo. Nel 1949 riesce finalmente a dedicarsi completamente alla sua passione, e apre il suo studio fotografico a Bamako-Koura (Nuova Bamako), dove lavorerà fino alla fine degli anni settanta e acquista anche nuove apparecchiature fotografiche, tra cui una nuova macchina che gli consente di effettuare immagini di formato più grande. Da questo momento in poi la sua carriera sarà caratterizzata da un’intensa produzione fotografica. La tecnica usata prevalentemente da Keita per lo sviluppo fotografico è quella della gelatina e dei sali d’argento, che permette un passaggio netto dal bianco a nero, donando nitidezza e contrasti molto netti alle immagini. Le figure vengono spesso ritratte come modelli ideali per la collettività. Grazie alla sua fama di ritrattista, dal 1962 al 1977 lavora come fotografo per la sicurezza nazionale del nascente Stato indipendente del Mali. Nel 1991, presso il Center for African Arts di New York, sono esposti alcuni dei lavori di Keita, in occasione dell’esposizione Africa Explores: 20th Century African Art, curata da Sara Vogel. Anche se la carriera di Keita si era conclusa già da tempo, egli aveva conservato una grande quantità di negativi, con i quali è stato possibili riprodurre le fotografie ed esporle successivamente all’estero, all’interno di grandi collezioni museali. Seydou Keita muore nel 2001 a Parigi.

Father of African photography: Discovering 1950s Malian society via Seydou Keita’s work, 3 maggio 2016, di FRANCE 24 English. Un esibizione dedicata a Seydou Keita considerato padre del fotografia africana.


Father of African photography: Seydou Keita retrospective opens in Paris, 31 marzo 2016, di FRANCE 24 English. A Parigi è stata allestita una mostra con le foto di Seydou Keita considerato uno dei migliori fotografi del ventesimo secolo.


Souvenirs de Seydou Keïta 1/5 : Regards Noirs (français / english), 22 aprile 2016, di Grand Palais. Video sulla fotografia fatto da Seydou Keita.


Nelle sue immagini, cerca di immortalare i soggetti fotografati in scenari particolari rappresentativi della cultura e del modo di vivere africani. Quindi ecco una raccolta di foto scattate da Seydou Keita.

Anche per oggi è tutto, vi auguriamo una buona serata e ci rivediamo domani su questa pagina. [Dario Onofrio, coordinatore Arci Como WebTV]

Per proporre i vostri contenuti:
ecoinformazionicomo@gmail.com
+39 3409867778

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è lasciaraddoppia_arci.jpg
FAI IN MODO CHE SI POSSA PARLARE DI POLITICA E CULTURA ANCHE A FINE EMERGENZA: DONA ORA PER I CICOLI IN DIFFICOLTÀ.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.