9 marzo 2021/ Geoweb/ Mary Baudo/ Mehndi

Mehndi è un termine hindi per indicare un tatuaggio temporaneo eseguito con henné naturale rosso, dipinto su mani e piedi. Viene eseguito con speciali stencil o a mano libera. I motivi sono di buon auspicio per la persona che li indossa e il ritiro del disegno del mehndi coinvolge le donne di tutta la famiglia e/o tribù. E’ in uso nel Nordafrica, in Meno Oriente, in India e in Pakistan.

Il video è una dimostrazione di come realizzare un semplice hennè naturale.

Inizialmente riservata a re e sacerdoti del mondo antico la pratica del tatuaggio con l’Henné raggiunse molti popoli in età romana per poi essere condannata dalla chiesa cattolica come pratica pagana se non addirittura considerata demoniaca.

L’henné infatti presenta proprietà terapeutiche lenitive e antinfiammatorie conosciute fin dai primi secoli oltre a dare la caratteristica colorazione bruna che tutti conoscono. Ancora oggi le donne di molti paesi medio-orientali utilizzano i tatuaggi su mani e piedi quali strumento di bellezza e seduzione per i rispettivi fidanzati e mariti.

Il video è un tutorial di come realizzare un hennè a mano.

Il mehndi non è permanente e ha una durata variabile e lascia sulla pelle un piacevole aroma che si attenua nei primi giorni.

Ai soggetti tradizionali tipici delle aree medio-orientali si possono alternare disegni di pura fantasia: tribali, cinesi, animali, fantasie, simboli, etnici, opere d’arte, halloween, polinesiani, dragoni ecc. In India la mehndi nuziale include le iniziali degli sposi e spesso il loro ritratto.

La ricetta e i coni applicatori hennè.

Il colore finale del mehndi può risultare diverso sulle varie parti del corpo: questo è determinato dal fatto che per ogni zona si hanno differente numero di strati di pelle per cui un mehndi fatto sui palmi delle mani sarà sempre molto più scuro di un mehndi fatto sull’avambraccio.

Il mehndi raggiungerà il massimo del suo colore in 24-48 ore dopo la rimozione della pasta dalla pelle, e si vedrà il cambiamento di tonalità da un arancio molto acceso ad un marrone mattone molto scuro. Il risultato finale del colore dipende molto anche dalla provenienza della polvere di hennè e dalla quantità di oli essenziali utilizzati durante la preparazione.

Il colore del tatuaggio inizia a sbiadire fino a sparire completamente nel giro di 10-15 giorni. La durata del mehndi può variare in base a molti fattori, alcuni dei quali sono il numero di volte e i prodotti utilizzati per lavare la parte tatuata, la sudorazione, il ph della pelle, l’assunzione di determinate medicine ecc.

Per aiutare un mehndi a scomparire più in fretta si può fare un leggero scrub sulla parte interessata. [Principali fonti: Wikipedia]

Arci Como WebTV continua domani. [Dario Onofrio, ecoinformazioni]

Per proporre i vostri contenuti:

ecoinformazionicomo@gmail.com

+39 3409867778

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.